Filosofia

Zero Energy Fashion Home, nell'ambito delle proprie attivitá, si prefigge i seguenti obiettivi:

• Salubritá dello spazio abitato
• Risparmio energetico
• Abbattimento dei costi di gestione dell'immobile
• Rispetto dell'ambiente
• Minimizzazione dell'acquisto di energia dall'esterno (NZEB)

Per realizzare un edifico a bilancio annuo di energia quasi zero, Near Zero Energy Building (NZEB) occorre seguire determinati step progettuali in un ordine ben preciso. A tale scopo, gli edifici da noi realizzati, vengono dapprima progettati secondo una logica che coniuga l'aspetto architettonico a quello acustico – energetico al fine di ottenere ambienti sani e confortevoli abbinati a costi di esercizio molto contenuti.
smart-house-img
La filosofia costruttiva che ci piace sposare é quella di ridurre al massimo il fabbisogno energetico dell'edificio avvicinandosi da subito al ”near zero“ per poi utilizzare le fonti rinnovabili per coprire i fabbisogni rimanenti. Solo cosí é possibile affrontare in maniera efficace i problemi dell'inquinamento e del riscaldamento globale.
Il concetto base adottato é quello della casa passiva in cui si punta all'ottimizzazione dell'involucro al fine di ridurre i fabbisogni e quindi l'esigenza degli impianti. Ció comporta che l'efficienza dell'edificio é raggiunta ancor prima dell'adozione delle fonti rinnovabili.

Classi energetiche

Ma quali sono in termini energetici le differenze tra edifici energivori, classe G, edifici di classe A ed edifici passivi o nzeb.

Nel grafico seguente vengono paragonate le diverse tipologie di edificio.

classi-energetiche-img
fabbisogno-energetico-img

Ogni barra in individua il fabbisogno energetico invernale richiesto dall'edificio avente quella classe energetica. Ad esempio un edifico in classe E, per essere riscaldato, avrá bisogno ogni anno di ben 119 kWh per ogni metro quadrato di superficie calpestabile. Come si puó notare un edifico passivo, passive house, é in termini di fabbisogno energetico migliore di una classe A e piú performante anche di una classe A+.

Costi annui

Se ad una casa passiva, in cui i fabbisogni sono molto ridotti, si fa in modo tale, per esempio installando un impianto ad energie rinnovabili, di soddisfare questo fabbisogno senza dover ricorrere a forniture esterne, allora si avrá un bilancio di energia circa nullo 0 kWh/m2 anno.
Di questo passo si puó anche realizzare una casa attiva, in cui cioé, si produce piú energia di quella che si consuma potendo realizzare un utile dalla vendita del disavanzo.

casa-costo-zero-img

Ma come si traduce tutto ció in termini di costi di gestione annui?
A partire dai dati riportati nel grafico precedente, si ottengono i seguenti costi:

Costi-annui-img
classeG-img

Dal grafico precedente ci si rende conto che vivendo in un appartamento da 100 metri quadrati in classe G avente un fabbisogno pari a 190 kWh/m2 anno si spendono 20€/m2 anno ∗ 100 m2 = 2000€ anno per il solo riscaldamento a cui aggiungere il costo per la produzione dell'acqua calda sanitaria (ACS), per il raffrescamento e per gli elettrodomestici. Si capisce come abitare in una casa in classe energetica bassa, ad esempio G o F o E, sia economicamente sconveniente e sia sempre meno sostenibile per una famiglia il cui potere d'acquisto sia in costante diminuzione a fronte di un costante aumento delle bollette (gas, luce, acqua).

Di pari passo ai costi di gestione e non meno importante di essi, c'é il fattore comfort abitativo che si traduce in benessere e piacere di vita all'interno dell'abitazione. Quanti di voi pur leggendo nel termometro una temperatura di 20°C o piú all'interno della casa percepiscono correnti fredde e hanno piedi e mani freddi?

casa-passiva-img

In una casa passiva questo non succede poiché il benessere degli occupanti assieme al risparmio energetico sono i pilastri della progettazione. In una casa passiva, l'alto livello di comfort é raggiunto spendendo solo 1,5€/ m2. Ció significa che per una casa passiva da 100 metri quadrati si spendono 1,5€/m2 anno ∗ 100 m2 = 150€ anno.
Se poi si dota la casa di generatori di energia a fonte rinnovabile il gioco é fatto!

Risultato

Acquistare una casa costruita secondo i concetti della casa passiva e del bilancio di energia annuo nullo é un modo sicuro di investire i propri risparmi e di mettersi al riparo dall'inflazione e dormire sonni tranquilli.

goccia-img
Sii curioso!!! Cosa sta facendo per te Zero Energy Fashion Home? Il complesso residenziale che Zero Energy Fashion Home sta realizzando in via Cesti ad Olbia é studiato utilizzando i piú avanzati sistemi progettazione per case passive avvalendosi anche di software per l'analisi dinamica degli edifici.
Ogni appartamento sará dotato di impianto fotovoltaico e sará gas free (zero bolletta del gas)!!! Scopri la cottura ad induzione magnetica!
Simula i costi per cucinare ad induzione!
L'indice di prestazione energetico invernale medio degli appartamenti di via Cesti é pari a solo: 13 kWh/m2 anno !!! Il costo di gestione di un trilocale in via Cesti tutto compreso (riscaldamento, raffrescamento, acs e elettrodomestici, impianto fotovoltaico da circa 1 kW) é pari solo a: 460 €/anno (per un utilizzo standard dell'abitazione ed elettrodomestici in classe A+)

Near zero: avvicinati allo zero!!! Riduci ulteriormente i 460 €/anno. Aumentando la potenza dell'impianto fotovoltaico potrai azzerare i costi gestionali e usufruire dell'incentivo statale GSE.
Guarda la fotogallery di via Cesti. Con la stessa tecnologia utilizzata in via Cesti, é in fase di costruzione un monolocale in via Fausto Noce ad Olbia, guarda la fotogallery del monolocale di via F. Noce.

Cosa dicono di noi i clienti? Guarda il feedback di Zero Energy Fashion Home.